Giovani talenti creativi 2017

Banner Giovani Talenti Creativi

 

È uscita la graduatoria del bando!

Ecco i progetti vincitori!

FABIEKE - Murales a San Lazzaro

Fabieke

Mi chiamo Fabieke e son nato a Bologna nel 1987. Fin da bambino ho avuto la passione per il disegno e dal 2003 sono parte pulsante, non più solo spettatore, di questa meravigliosa cultura che è l’hip hop. Dal 2006, anno in cui mi fu commissionato il primo graffito, ho avuto il piacere di collaborare a livello Nazionale ed Europeo, riuscendo a raggiungere bellissimi risultati e togliendomi tantissime soddisfazioni.

Tramite la tecnica dell’Aerosol-Art interverrò su diversi spazi del territorio di San Lazzaro, per dare un nuovo volto a determinati muri, cercando di stabilire un legame con chi li vive tutti i giorni ma anche con chi è semplicemente di passaggio.

Fabieke ha già partecipato alla prima edizione del concorso. Scopri il suo progetto

Il progetto è stato realizzato nel corso dell'estate di fronte all'IIS Mattei.

Mandela  Gandhi  Einstein  Jordan  Malcom X  Rita Levi Montalcini

IVAN SELVA - Crosstitich Road

Ivàn Selva

Sono un fotografo di S.Lazzaro (Bologna), la mia professione abbraccia principalmente il cinema e l'illustrazione. Da dopo la laurea specialistica in Cinema e Produzione a Bologna, lavoro in ambito universitario e cinematografico. Attualmente ricopro il ruolo di operatore di macchina, montatore e fotografo per diversi enti, fra cui Seac Srl, MaxMan e l'Università di Ferrara. La scuola di Cinema Rosencrantz e Guildenstern ha significato per me la piattaforma ideale per esprimere la mia predilezione per il cinema come massima espressione artistica e sinestesica della narrazione. Attualmente sono membro della fondazione Filmagogia e cultore della materia presso l'Università di Bologna per la promozione della cultura e dei linguaggi cinematografici nei contesti educativi.

"Il cortometraggio “Crosstitch Road” nasce dalla collaborazione di un gruppo indipendente di giovani cineasti e professionisti provenienti da diverse città d'Italia e dall'estero, tutti con percorsi formativi di cinema e scrittura. Questo progetto è da definirsi un cortometraggio di tipo sperimentale, perché vuole mettere a frutto in modo professionale l'esperienza collettiva dei suoi membri e inserirsi a sua volta in un progetto di ricerca didattica fondata sulla promozione dell'educazione ai linguaggi audiovisivi e multimediali nel contesto scolastico italiano. con il gusto e la passione per il racconto e l'immagine.

STEFANIA DI BUCCIO - La classe dei banchi vuoti

Stefania Di Buccio

Sono Stefania Di Buccio, a livello professionale ed accademico mi occupo della gestione e del riutilizzo dei beni e delle aziende confiscati alle mafie. Ho una grande passione per le arti teatrali e attraverso il mio progetto ho voluto trasmettere attraverso le stesse i principi ed i contenuti della lotta alla criminalità organizzata realizzabile attraverso l'impegno sociale e la passione civica, che ognuno può portare avanti nel suo piccolo, sin da piccoli!

"La classe dei banchi vuoti: la mafia spiegata ai ragazzi attraverso il teatro" è un progetto di formazione interattiva che intende utilizzare le arti teatrali per divulgare la cultura dell’antimafia fra i ragazzi delle scuole medie. Il progetto integra esercizi di conoscenza del linguaggio teatrale con la formazione in materia di fenomeni criminali, dalla storia delle mafie alle incidenze sull'economia e la società. é importante conoscere questi fenomeni, per riconoscerli e farvi fronte, attraverso la legalità.

Partendo dalla lettura condivisa delle vicende di 9 giovani vittime della mafia tratte dal libro “La classe dei banchi vuoti” di don Ciotti,  si procede con la messa in scena teatrale delle storie, con adattamento della sceneggiatura, realizzazione dei costumi e scelta delle musiche a cura dei ragazzi coinvolti. Il progetto verrà realizzato presso due scuole medie di San Lazzaro, con il coinvolgimento diretto di due classe.

La produzione teatrale su tematiche di natura etico sociale realizzata mediante arti creative genera un valore estetico integrativo, trasformando lo strumento dell’intrattenimento in veicolo di conoscenza, confronto ed approfondimento. 

CATERINA PRADERIO - Laboratorio delle arti - The Tribe Musical

Caterina Praderio

Caterina Praderio, diplomata alla Bernstein School of musical Theater, nella vita mi occupo sia della diffusione dell'arte  fra i giovani che dell’organizzazione e della regia di eventi spettacolari per aziende. Se mi chiedete di un lavoro speciale che mi sia rimasto nel cuore vi dico: lo spettacolo dedicato a “Pierino e il Lupo” che ho diretto per il Teatro Duse con la partecipazione di Fabio Vagnarelli degli Oblivion; e poi siamo: Arturo Bonavia Pelà, Federico Montori, giovani  attori bolognesi che presentano il progetto educativo per ragazzi “Laboratorio delle Arti”.

Obiettivo del laboratorio che abbiamo presentato è quello di coinvolgere i giovani ed “insegnare” loro come si realizza un evento musicale attraverso diversi workshop: da quello sulla regia, il musical, canto corale, fino a quelli di comunicazione e poi di messa in scena dello spettacolo in teatro a fine corso. Il tutto valorizzando e responsabilizzando i partecipanti, allo scopo di raggiungere un risultato unico, frutto del lavoro collettivo e del confronto tra sensibilità artistiche diverse. Per portare a termine il nostro progetto, chiameremo a lavorare con noi anche la direttrice musicale e compositrice Eleonora Beddini.

I laboratorio è stato realizzato nel corso dell'estate è lo spettacolo conclusivo si è tenuto il 30 settembre all'ITC Teatro

The tribe musical 1  The tribe musical 2  The tribe musical 3  The tribe musical 4  

The tribe musical 5  The tribe musical 6  The tribe musical 7  The tribe musical 8

ENRICO BOLLINI - Gli ultimi giorni dell’umanità

Enrico Bollini - Eleonora Bartolucci - Marta Cellamare -  Odoardo Maggioni - Sara Setti - Alessandro Vuozzo

Eleonora Bartolucci: sono Eleonora, nata a Lucca nel 1995. Sono interessata alla danza che pratico da 16 anni, e al teatro che ho scelto di approfondire iscrivendomi al DAMS, di cui frequento il terzo anno. Ho conseguito diplomi in balletto con la Royal Academy of Dance di Londra e recentemente mi sono interessata a scenografia e allestimento scenico

Enrico Bollini: sono Enrico e sono nato a Bologna nel 1994. Laureato in Lettere Moderne a Bologna, ho diretto i miei studi verso la letteratura teatrale e la drammaturgia. Partecipo da vario tempo a iniziative in ambito teatrale e pedagogico.

Marta Cellamare: sono Marta e sono nata a Bari nel 1996. Studio alla triennale Dams di Bologna, con un percorso incentrato sul teatro e coltivo da qualche anno uno spiccato interesse per le arti performative frequentando laboratori pratici e prendendo parte a progetti teatrali.

Odoardo Maggioni: sono Odoardo e sono nato a Milano nel 1994. Laureato al Dams, frequento il corso di laurea magistrale CITEM all'Alma Mater Studiorum di Bologna. Da sempre interessato alle arti figurative e performative, ho realizzato diversi progetti di cortometraggi e spettacoli teatrali. Dal 2014 lavoro come attore per la Compagnia Fantateatro di Bologna.

Sara Setti: sono Sara e sono nata nel 1994. Da poco laureata in Lettere Moderne presso l'Università di Bologna, da sempre mi interesso allo studio del teatro e in particolare alla recitazione. Il mio obiettivo è intraprendere un percorso professionale nell'ambito performativo.

Alessandro Vuozzo: sono nato nel 1994 e sono laureato in Lettere moderne all’Università di Bologna. Miei studi mi sono occupato soprattutto del linguaggio e delle sue diverse forme espressive. Nel teatro avuto varie esperienze come interprete e autore incrociando varie realtà.

“Teatri di Marte” è un progetto che nasce nel 2016 nel contesto teatrale bolognese. Siamo un gruppo di ragazzi under 25 che hanno deciso di aggregarsi in maniera spontanea per indagare la realtà contemporanea attraverso il mezzo teatrale, partendo da suggestioni e stimoli individuali, per dialogare in maniera diretta con un pubblico vario ed eterogeneo.

Il progetto prevede l’allestimento di un’opera teatrale originale “Gli ultimi giorni dell’umanità”. L’impianto drammaturgico riprende liberamente l’omonima opera di Karl Kraus.

Ne risulta un’opera atipica: le varie e numerose scene dialogano per prossimità, contrasto o variazione, spiegandosi e annullandosi reciprocamente, restituendo una visione del reale complessa e poliedrica. Un montaggio di scene che compongono un’immagine caleidoscopica della contemporaneità, vissuta e quotidiana, attraversata da linee di volta in volta grottesche, assurde o violente. La contemporaneità come la nostra generazione la sta attraversando.


FILIPPO OREFICE - Cantacronache

Cantacronache

Siamo un gruppo di giovani professionisti nel campo dello spettacolo con un'esperienza consolidata in progetti artistici e particolarmente attenti alla ricerca musicale. Giuseppe Calcagno, chitarrista, polistrumentista e compositore, e Giovanni Catrini, attore teatrale, sono gli autori dello spettacolo.

Per realizzarlo sono stati coinvolti Filippo Orefice, sassofonista, polistrumentista e compositore, e AndreaLa Cagnina, illuminotecnico e scenografo specializzato in arti visive.

Lo spettacolo è nato dalla voglia di valorizzare una parentesi, quasi sconosciuta, nella storia della canzone italiana. Abbiamo deciso non di mettere in scena i protagonisti delle canzoni, ma di raccontare una storia politica attraverso chi quelle canzoni le ha scritte e cantate.

Cantacronache 3.0 è uno spettacolo di teatro canzone ispirato all'opera dei Cantacronache, gruppo di musicisti, letterati e poeti attivo dalla fine degli anni '50 ai primi anni '60.  In contrapposizione a un'Italia spensierata e sanremese, il gruppo mise in musica fatti di cronaca sociale e politica per raccontare il Paese in una prospettiva critica e anticonformista. È ancora possibile "evadere dall'evasione"? Come alimentare oggi una coscienza alternativa a quella omologata al sistema culturale dominante? A sessant'anni di distanza, vogliamo ancora cantare l'opposizione al consumismo, all'omologazione, la lotta ai nuovi nuovi fascismi e alle ingiustizie sociali.

MARTINA VITTORIA NOACCO - Voce al silenzio

Martina Vittoria Noacco

 

Inizio giovanissima lo studio del pianoforte. Nel 2013 conseguo il diploma di violino al conservatorio di musica “G. Frescobaldi” di Ferrara. Nel2016 milaureo in musicoterapia allo stesso conservatorio con il massimo dei voti e la lode. Attualmente sono iscritta al corso di laurea “scienze e tecniche psicologiche” di Cesena. Ho svolto tirocini di musicoterapia in ambito oncologico, delle gravi cerebrolesioni acquisite, della neuropsichiatria infantile e dei disturbi del comportamento alimentare. Relatrice al convegno “Le radici del futuro... i giovani e la musicoterapia”, Thiene (VI) maggio 2017. Collabora come musicoterapista a Bologna presso la residenza socio – riabilitativa per disabili adulti Casa Rodari.

 

All’interno della cornice dell’inclusione della disabilità che prevede di prendere in considerazione l’intera organizzazione della società, la proposta di un progetto di musicoterapia si deve alla considerazione delle potenzialità terapeutiche, ludiche e formative dell’utilizzo della musica e del suono al di fuori di un contesto prettamente artistico. Attraverso il corpo, il suono e la musica è possibile esprimere i propri sentimenti, attivare una diversa percezione della propria persona e un cambiamento nella modalità di relazione con l’altro. Studi scientifici sempre più recenti attestano che un percorso terapeutico con la musica può modificare positivamente i processi comunicativo-relazionali inducendo importanti cambiamenti anche sul piano comportamentale e dell’interazione sociale.

Il progetto è stato realizzato a settembre 2017.

Voce al silenzio

LAURA LALI SILVESTRELLI - Creare Insieme

Laura Lali Silvestrelli

Nata sotto il segno del Toro nel 1986. Sono danzatrice, performer ed insegnante di danza, per bambini, ragazzi e adulti presso la scuola di danza Modernocreativa Chorea di Bologna. Sono laureata in DAMS teatro con tesi in Storia della Danza. Conduco progetti Danzando si Cresce nelle scuole materne e tengo laboratori di manualità,colore, creatività per bambini e genitori. Dal 2012 sono mamma di Leon, la mia principale,sorprendente fonte di ispirazione per le attività che svolgo con l'infanzia.

Creare insieme è un percorso sperimentale attraverso l'arte contemporanea che ci porta alla scoperta di alcuni tra i più importanti e carismatici protagonisti. Ne conosceremo la vita, le opere e soprattutto ne interpreteremo in modo personale la corrente artistica di riferimento. L'approccio alla parte pratica comprende sia proposte di arte visiva (realizzazione di opere attraverso vari materiali e tecniche) sia di arte performativa (avvicinamento all'arte attraverso il movimento, la musica e l'espressione del corpo). Il laboratorio coinvolge la creatività di ciascuno a 360 gradi, tra soggettività, libera interpretazione e lavoro di gruppo, improvvisazione e tecnica, colore e movimento. Le nostre parole d'ordine saranno divertimento, apprendimento ed espressione, senza giudizio e con originalità!

Il progetto è stato realizzato dal 4 al 9 settembre 2017 presso Medialab.

Creare insieme 1  Creare insieme 2 - Photo by Marika Puicher  Creare insieme 3 - Photo by Marika Puicher  Creare insieme 4 - Photo by Marika Puicher  

Creare insieme 5 - Photo by Marika Puicher  Creare insieme 6 - Photo by Marika Puicher  Creare insieme 7 - Photo by Marika Puicher  Creare insieme 8 - Photo by Marika Puicher

BELEN SOTELO FERNANDEZ - Storie per tutti

Belen Sotelo Fernandez

Spagnola residente a Bologna da quasi 10 anni. Sono laureata in Scienze della Formazione e ho frequentato un Master in Didattica e Psicopedagogia per gli allievi con Disabilità Sensoriale. Da 8 anni lavoro nelle scuole come insegnante. Appassionata dei libri sin da piccola, nel tempo libero invento storie e le illustro in svariati modi. Questa mia passione per le storie mi ha spinto a fare nascere il progetto Storie per Tutti, con l’intento di rendere le letture ad alta voce accessibili a chiunque, soprattutto a chi accede al libro e alla lettura in modo non convenzionale.

"Storie per tutti" è un progetto di letture ad alta voce accessibili per bambini dai 3 agli 8 anni. Con la rassegna “FIORI DI-VERSI, storie di natura e diversità” vogliamo offrire ai bambini e alle famiglie un’occasione inclusiva, rendendo lo spazio/tempo del racconto un momento piacevole e fruibile a tutti, anche per chi non accede al libro e alla lettura in modo convenzionale. A tal fine utilizziamo diversi strumenti e modalità, accompagnando le letture ad alta voce con simboli (utilizzati nella CAA), conla LIS(Lingua Italiana dei Segni) e con narrazioni polisensoriali, offrendo ai bambini sollecitazioni tattili, uditive e olfattive.

La rassegna si è tenuta il 16, 23 e 30 settembre

FEDERICO BORELLA - Shooting Around - maratona fotografica

Federico Borella - Michela Balboni - Daniele Tattini

Federico Borella: laureato in archeologia e diplomato all’accademia John Karverdash di Milano, lavoro come giornalista e fotoreporter da più di dieci anni, realizzo reportage internazionali per le maggiori testate e sono sono docente di fotografia.

Michela Balboni: sono nata e cresciuta a Bologna, lavoro da quindici anni come grafica e stilista freelance, e nella mia attività di fotografa mi  occupo di servizi di moda e matrimoniali, presso l’agenzia Uvea.

Daniele Tattini: nato a Bologna, mi occupo di formazione nell’ambito fotografico da diversi anni, sono fondatore dell’agenzia Uvea che si occupa di servizi matrimoniali e di eventi.

Shooting Around è una maratona fotografica nata con lo scopo di far avvicinare più persone possibili alla fotografia, non importa con quali mezzi a disposizione e con quanta esperienza, unendo la creatività e il divertimento alla scoperta di angoli nascosti del comune di San Lazzaro. Una caccia appositamente studiata per essere realizzata in un lasso di tempo che permetta ai partecipanti di soffermarsi sugli obiettivi, e di dare spazio alla propria inventiva. Inventiva che sarà premiata sia con l'opportunità, per i migliori scatti, di essere esposti pubblicamente durante una mostra, sia con primo premio di grande valore, un workshop personalizzato con un fotoreporter professionista.

Il 2 settembre 2017 si è svolta la maratona fotografica, seguita da una mostra in Mediateca delle foto scattate.

Shooting around 1  Shooting around 2  Shooting around 3  Shooting around 4

Valuta questo sito