L’art. 57 D.Lgs 165/2001 come modificato dall'art. 21 della Legge 4 Novembre 2010 n. 183 ha posto in capo alle Pubbliche Amministrazioni l’obbligo di istituire il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG) le cui modalità di funzionamento sono state  definite con le linee guida approvate con Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 04/03/2011.

Il Comitato è costituito in forma associata tra i Comuni di San Lazzaro di Savena ed Ozzano dell'Emilia. Tale Comitato è paritetico, ovvero riconosce piena dignità e pari rappresentanza sia alla parte pubblica che a quella sindacale, svolgendo le sue funzioni in piena autonomia gestionale.
Il CUG sostituisce ed assorbe le funzioni ed i compiti dei precedenti Comitati per le pari opportunità e contro il mobbing, e svolge  le ulteriori competenze attribuite dalle normative surrichiamate come meglio specificato nel Regolamento di funzionamento approvato dal medesimo comitato.

In particolare, come riportato nell'art. 3 del Regolamento, il CUG esercita compiti:

Propositivi e di verifica su:

  • azioni positive idonee a prevenire o rimuovere situazioni di discriminazioni dirette o indirette relative al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica alla disabilità, alla religione o alla lingua, nell'accesso, nel trattamento e nelle condizioni di lavoro, nella formazione professionale, promozione negli avanzamenti di carriera, nella sicurezza sul lavoro; azioni positive idonee a prevenire o rimuovere  violenze sessuali, morali o psicologiche - mobbing - nell'Amministrazione pubblica di appartenenza;
  • promozione e/o potenziamento di ogni iniziativa diretta ad attuare politiche di conciliazione vita privata/lavoro;
  • temi che rientrano nella propria competenza ai fini della contrattazione integrativa;
  • favorire l'uguaglianza sostanziale sul lavoro tra uomini e donne anche in collaborazione con la Consigliera di parità del territorio di riferimento;
  • azioni atte a favorire condizioni di benessere lavorativo e relazionale.

Consultivi, formulando pareri, laddove richiesti, su:

  • progetti di riorganizzazione dell'Amministrazione di appartenenza;
  • piani di formazione del personale;
  • orari di lavoro, forme di flessibilità lavorativa e interventi di conciliazione;
  • criteri di valutazione del personale, e contrattazione integrativa sui temi di propria competenza.

Inoltre, il CUG:

  • promuove indagini conoscitive, ricerche ed analisi necessarie ad individuare misure atte a creare effettive condizioni di parità tra i lavoratori e le lavoratrici dell’Ente;
  • pubblicizza periodicamente il lavoro svolto e i risultati emersi dal medesimo, nel rispetto della normativa vigente in materia di riservatezza;
  • assolve ad ogni altra incombenza attribuita al Comitato da leggi o da normative derivanti da accordi sindacali;
  • inoltra le proprie proposte all'Amministrazione e per conoscenza alle OO.SS. su temi che rientrano nella propria competenza ai fini della contrattazione integrativa;
  • opera in collaborazione con gli Organismi Indipendenti di Valutazione, per rafforzare, attraverso l'introduzione dei temi delle pari opportunità e del benessere lavorativo, la valutazione delle performance. Una amministrazione  pubblica efficiente e trasparente, esigente nei confronti dei propri operatori e operatrici, ma garante al tempo stesso di condizioni esemplari, deve programmare e valutare politiche attive di parità di genere.

Il Comitato è a disposizione di tutti i lavoratori e può essere contattato attraverso l'indirizzo di posta elettronica: cugsanlazzarozzano@comune.sanlazzaro.bo.it , oppure tramite i singoli componenti.
La nomina e composizione del Cug nonché il Regolamento di funzionamento ed ogni altro documento elaborato dal CUG sono consultabili sui siti dei singoli Comuni.

Servizi utili

Le consigliere di parità offrono un servizio di consulenza gratuito, riservato e per chi lo desidera anonimo promozione, di diffusione  della conoscenza delle pari opportunità, di vigilanza e rilevazione di  situazioni di discriminazione basata sul sesso nel mondo del lavoro.


Questa pagina ti è stata utile?