FOR IMMEDIATE RELEASE

Pugno duro contro il gioco d'azzardo

ultima modifica 01/04/2019 11:06
Rigettati le richieste al Tar delle sale slot. Giro di vite anche tra i bar della città
San Lazzaro di Savena 16/01/2019

 

Il Comune di San Lazzaro non fa passi indietro sul fronte della lotta al gioco d’azzardo e alle ludopatie. Dopo la chiusura di 4 sale slot e sale scommesse su 5, che si trovavano a meno di 500 metri da scuole e luoghi sensibili individuati dalla mappatura del Comune, dal Tar dell’Emilia-Romagna arrivano altre buone notizie: è stata infatti rigettata la richiesta di sospensione cautelare dell’ordinanza comunale, pervenuta da due delle sale-slot obbligate alla chiusura.

“Un precedente importante – commenta il sindaco Isabella Conti -, che ci indica che quella intrapresa da questa Amministrazione è la strada giusta. Come istituzioni non possiamo permetterci di far scivolare i nostri cittadini, soprattutto quelli più fragili o in temporanee condizioni di bisogno e i minori, nei pericoli della dipendenza da gioco d’azzardo. In questi mesi mi sono arrivati tantissimi messaggi di ringraziamento e testimonianze da parte di ex giocatori, che grazie alla nostra presa di posizione netta stanno trovando la forza per continuare nel difficile percorso di guarigione dalla ludopatia. Per loro e per tutti i nostri cittadini abbiamo il dovere di andare avanti”.

Giro di vite anche nei bar e negli esercizi commerciali, grazie al controllo costante della polizia locale: nei giorni scorsi 3 bar sono stati multati per aver tenuto accese le slot machines oltre l’orario consentito, così come una sala slot. Per tutti e 4 gli esercenti si tratta del terzo verbale di questo tipo: una violazione reiterata che porterà dunque a un’ordinanza di sospensione dell’attività fino a una settimana.

archiviato sotto: ,
Valuta questo sito