FOR IMMEDIATE RELEASE

La classe dei banchi vuoti: un corto contro la mafia

ultima modifica 03/01/2019 14:20
Il 18 gennaio in Mediateca sarà proiettato il film tratto dal libro di Don Ciotti e interpretato dai ragazzi delle scuole medie Rodari e Jussi
San Lazzaro di Savena 15/01/2018

 

Un film contro la mafia fatto dai giovani per i propri coetanei. Si tratta de “La classe dei banchi vuoti”, cortometraggio tratto dall’omonimo libro di Don Luigi Ciotti che sarà proiettato in Mediateca il 18 gennaio, alle ore 9.30. Protagonisti e pubblico della proiezione, i ragazzi delle scuole del territorio, che nei mesi scorsi hanno approfondito il tema con lezioni e momenti di formazione in classe, fino alla realizzazione del corto.

Il progetto nasce da un’idea di Stefania Di Buccio, vincitrice del Bando comunale di San Lazzaro “Giovani talenti creativi - Protagonismo e creatività” edizione 2017, mirato a selezionare giovani artisti di talento che realizzano attività artistico-culturali o installazioni di opere qualificanti per il territorio comunale. L’obiettivo era sviluppare la tematica della legalità mediante un percorso di formazione interattiva che utilizza le arti teatrali ed il cinema per divulgare la cultura dell’antimafia fra i più giovani. Presso due scuole medie inferiori di San Lazzaro, Stefania Di Buccio ha realizzato un percorso di approfondimento che, partendo da lezioni interattive sul concetto di mafia e antimafia, è culminato con la lettura condivisa delle storie di 9 giovani vittime della mafia tratte dal libro “La classe dei banchi vuoti” di Don Luigi Ciotti.

Al termine del percorso formativo, le classi coinvolte, la 3E della scuola media E. Rodari e la 3E della Scuola media C. Jussi, accompagnate rispettivamente dalle professoresse Monica Campomori e Rossella Naldi, sono state guidate nella comprensione e nella realizzazione della sceneggiatura del cortometraggio rappresentativo delle storie.

Il 18 gennaio, dalle ore 9.30, in Mediateca si terrà la giornata conclusiva del percorso formativo, nella quale verrà proiettato il cortometraggio scritto da Stefania Di Buccio e interpretato dai ragazzi, con il montaggio e la direzione video del giovane regista sanlazzarese Simon Barletti, che ha abbracciato l'idea del progetto ed ha voluto contribuire a realizzarlo.

Alla proiezione interverrà l'assessore alle Politiche giovanili Benedetta Simon e al termine della proiezione verrà consegnato ai ragazzi l'attestato di partecipazione al progetto, perché la legalità necessita di essere coltivata nelle menti e nelle coscienze civiche delle giovani generazioni. Attraverso la creatività del teatro si veicola un messaggio altamente coinvolgente e strutturato, in grado di permeare le lusinghe dell’infiltrazione mafiosa, con la creazione di un linguaggio sociale comune e anticorpi etici condivisi.

archiviato sotto: ,
Valuta questo sito