Coronavirus - Fase 2

ultima modifica 19/06/2020 08:30
Le informazioni sugli spostamenti, le aperture e le attività
Coronavirus - Fase 2

Fase 2

Sono entrati in vigore sia il nuovo Dpcm annunciato dal Presidente Conte che l’Ordinanza n.82 del 17 maggio 2020 della Regione Emilia-Romagna, che declinano e specificano ulteriormente le misure adottate per il nostro territorio e che consentono la graduale riapertura di numerosi esercizi commerciali e i relativi protocolli sicurezza.

Le linee guida e i protocolli di sicurezza per ciascuna attività sono disponibili sul sito della Regione Emilia-Romagna.

Di seguito una piccola sintesi delle misure in vigore a partire dal 18 maggio 2020, che vanno ad aggiungersi a quelle previste dal Dpcm del 4 maggio.

Resta obbligatorio l’uso delle mascherine nei locali aperti al pubblico. Tale obbligo vige anche nei luoghi all'aperto laddove non sia possibile mantenere il distanziamento di un metro.

Dal 18 maggio 2020, cessano di avere effetto tutte le misure limitative della circolazione all'interno del territorio regionale; è possibile spostarsi senza autocertificazione, anche per visitare amici e congiunti, e per recarsi nelle seconde case.

Resta il divieto di ogni forma di assembramento, anche in luoghi e abitazioni private.

L'autocertificazione resta obbligatoria solo per gli spostamenti fuori regione, consentiti solo per comprovate motivazioni di lavoro, salute o assoluta urgenza.

Sempre dal 18 maggio è consentita la riapertura delle seguenti attività, pur nel rispetto dei rispettivi protocolli regionali di sicurezza, consultabili sul sito della Regione:

  • attività di ristorazione e bar, gelaterie, pasticcerie, pub, rosticcerie e attività di catering; resta consentito l'asporto fermo l'obbligo del rispetto della distanza di sicurezza e il divieto consumare i prodotti all'interno dei locali, nonchè il sostare nelle immediate vicinanze;
  • commercio al dettaglio (negozi) anche su sede pubblica (mercato);
  • servizi alla persona (barbieri, parrucchieri centri estetici, centri tatuatori e piercing);
  • attività ricettive alberghiere;
  • attività di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all’articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio.
  • funzioni religiose nei luoghi di culto, evitando gli assembramenti e seguendo le direttive governative.

Il Dpcm e l'ordinanza regionale n.82 del 17 maggio 2020, stabiliscono anche le tempistiche per le successive riaperture (sempre nel rispetto delle indicazioni tecniche e operative definite dallo specifico protocollo regionale).

A decorrere dal 25 maggio 2020 sono consentite le seguenti attività:

  • stabilimenti balneari;
  • attività sportiva di base e attività motoria, anche in forma di allenamento collettivo di squadra, svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati, ovvero presso altre strutture ove si svolgono attività dirette al benessere attraverso l’esercizio fisico, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento, previa adozione di specifico protocollo regionale e nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali;
  • attività corsistiche (a titolo di esempio, lingue straniere, musica, fotografia, nautica), fermo restando quanto previsto nelle disposizioni nazionali in materia di scuola, formazione e autoscuole;
  • attività dei centri sociali, dei circoli culturali e ricreativi, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento;
  • attività dei parchi tematici, parchi divertimento, e luna park, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale e senza alcun assembramento;
  • attività ricettive extralberghiere e altre tipologie ricettive, nel rispetto delle norme sul distanziamento sociale e senza alcun assembramento; dette strutture possono comunque esercitare l’attività dal 18 maggio 2020 nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali.

 

A decorrere dall’ 8 giugno 2020 sono consentite le attività dei centri estivi e per i minori di età superiore ad anni tre, previa adozione di specifico protocollo regionale e nel rispetto dei principi contenuti nelle linee guida nazionali.


Restano in vigore le regole di accesso contingentato a orti comunali e aree di sgambamento cani. Con l'ordinanza 20/2020 il pagamento della sosta e la regolamentazione a disco orario restano sospesi fino al 30 giugno 2020 incluso.


Approfondimenti

“Fase 2” - Domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

Coronavirus: le misure in Emilia-Romagna

 

Le ordinanze del Comune

 

archiviato sotto:
Valuta questo sito