Strumenti personali

Sezioni

Detrazione fiscale per il risparmio energetico

ultima modifica 17/04/2018 14:37

Chi può accedervi

Tutti i contribuenti, anche se titolari di reddito d'impresa, che possiedono, a qualsiasi titolo, l'immobile oggetto di intervento.

I titolari di reddito d'impresa possono fruire della detrazione solo con riferimento ai fabbricati strumentali da essi utilizzati nell'esercizio della loro attività imprenditoriale.

Tra le persone fisiche possono fruire dell'agevolazione anche:

  • i titolari di un diritto reali sull'immobile;
  • i condomini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali;
  • gli inquilini;
  • i comodatari

o loro familiari conviventi.

 

Quali iniziative sono finanziate

  • interventi di riqualificazione energetica di edifici esistenti che consentano il raggiungimento di un indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale non superiore al valori di cui al Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 11 marzo 2008 – Allegato A;
  • interventi sugli involucri degli edifici che ottengano i requisiti di trasmittanza definiti dal decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 11 marzo 2008 e successivamente modificati dal decreto 26 gennaio 2010;
  • installazione di pannelli solari termici;
  • sostituzione (integrale o parziale) di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto, con pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia;   
  • sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria;
  • acquisto e posa in opera di schermature solari elencate nell'allegato M del decreto legislativo n. 311/2006;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili.
  • acquisto, installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento o produzione di acqua calda o di climatizzazione delle unità abitative;
  • per l'acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, purché l’intervento conduca a un risparmio di energia primaria (PES) pari almeno al 20 per cento.

Entità e modalità di erogazione dell'incentivo

Detrazione, in 10 rate annuali, dall'imposta IRPEF o IRES dovuta pari al:

  • 50% delle spese sostenute per:
    - sostituzione di infissi;
    - realizzazione di schermature solari;
    - sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione almeno in classe A;
    - acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • 65% delle spese sostenute, per singole unità immobiliari, per:
    - sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione almeno di classe A e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti;
    - sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
    - acquisto e posa in opera di generatori d'aria calda a condensazione;
    - tutte le altre tipologie di interventi riportati nelle iniziative finanziate e non rientranti tra quelle per cui è prevista la detrazione al 50%;
  • 70% delle spese sostenute, per interventi sull'involucro di condomini;
  • 75% delle spese sostenute, per interventi sui condomini che consentano il raggiungimento delle prestazioni energetiche previste dal DM 26/06/2016 (“requisiti minimi”);
  • 80 % delle spese sostenute per interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, ove gli interventi determinino il passaggio ad una classe di rischio inferiore;
  • 85 % delle spese sostenute per interventi su parti comuni di edifici condominiali ricadenti nelle zone sismiche 1, 2 e 3 finalizzati congiuntamente alla riduzione del rischio sismico e alla riqualificazione energetica, ove gli interventi determinino il passaggio a due classi di rischio inferiori. 

La detrazione massima massima ammissibile è pari ai seguenti valori:

Tipo di intervento

Detrazione massima

Riqualificazione energetica di edifici esistenti

100.000 euro

Involucro edifici

60.000 euro

Installazione di pannelli solari

60.000 euro

Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

30.000 euro

Acquisto e posa in opera di schermature solari

60.000 euro

Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore a biomasse

30.000 euro

Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti

100.000 euro

Per interventi sulle parti comuni condominiali o sull'intero condominio, le detrazioni sono calcolate su un ammontare complessivo delle spese non superiore a:

  • 40.000 Euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per interventi finalizzati al solo risparmio energetico;
  • 136.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per interventi finalizzati contestualmente al risparmio energetico e alla riduzione del rischio sismico.

Per tutti gli interventi è possibile cedere la detrazione ai fornitori che hanno effettuato gli interventi nonché a soggetti privati, con la possibilità che il credito sia successivamente cedibile.

La volontà di cedere il credito da parte di chi ne ha diritto deve risultare dalla delibera assembleare che approva gli interventi di riqualificazione energetica o da specifica comunicazione inviata al condominio, il quale deve provvedere a comunicarla ai fornitori.

I fornitori, a loro volta, comunicano in forma scritta al condominio di accettare la cessione del credito a titolo di pagamento di parte del corrispettivo per i beni ceduti o i servizi prestati.

Termine dell'incentivo

31 dicembre 2018 per singole unità

31 dicembre 2021 per interventi nei condomini

Per saperne di più:

Valuta questo sito