HOBBISTI

ultima modifica 26/10/2015 13:40

Descrizione del servizio

In data 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la legge regionale 24 maggio 2013, n. 4, relativa alla “Regolamentazione del commercio sulle aree pubbliche in forma hobbistica”, che disciplina le modalità e i requisiti di partecipazione degli hobbisti ai mercatini.

Gli hobbisti sono coloro che, non essendo in possesso dell'autorizzazione per il commercio su area pubblica, vendono, barattano, propongono o espongono, in modo saltuario ed occasionale, merci di modico valore.

Essi possono operare solo nei mercatini aperti alla partecipazione degli hobbisti.

Gli hobbisti devono essere in possesso dei requisiti di cui all'articolo 71 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59 , per svolgere la loro attività e devono essere in possesso di un tesserino identificativo rilasciato dal Comune di residenza, oppure dal Comune di Bologna per coloro che risiedono in un’altra regione.

Modalità

Il tesserino è rilasciato per non più di una volta all'anno per nucleo di residenti nella stessa unità immobiliare e per un massimo di due anni, anche non consecutivi, nell'arco di cinque anni. Tale tesserino, il cui rilascio è soggetto al pagamento di una somma, a titolo di diritti di istruttoria, pari a euro 200,00, non è cedibile o trasferibile ed è esposto durante la manifestazione in modo visibile e leggibile al pubblico e agli organi preposti al controllo.

Esaurito il suddetto periodo di due anni, anche non consecutivi, l'hobbista, o chi risiede nella stessa unità immobiliare, per poter esercitare l'attività deve munirsi di autorizzazione per il commercio su aree pubbliche.

Gli hobbisti abilitati partecipano ad un massimo di dieci manifestazioni l'anno e non possono farsi sostituire da altri soggetti nell'esercizio della propria attività. Si considera unitaria la partecipazione a manifestazioni della durata di due giorni, purché consecutivi.

Prima dell'assegnazione del posteggio si procede obbligatoriamente alla vidimazione, con timbro e data, di uno degli appositi spazi del tesserino. Anche nell'ipotesi in cui la gestione delle manifestazioni sia affidata a soggetti diversi, l'attività di controllo e di vidimazione spetta al Comune ospitante.

Gli hobbisti non possono comunque vendere, barattare, proporre o esporre più di un oggetto con un prezzo superiore a euro 100,00; in ogni caso, il valore complessivo della merce esibita non può essere superiore a euro 1.000,00.

 I prezzi devono essere esposti come previsto dall'articolo 14 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114

Ciascun hobbista consegna al Comune, in occasione della vidimazione del tesserino, l'elenco completo dei beni che intende vendere, barattare, proporre o esporre.

L'elenco contiene la descrizione delle tipologie dei beni, il relativo prezzo al pubblico e l'indicazione della persona fisica o giuridica da cui l'hobbista li ha acquisiti.

vai ad inizio pagina ↑

Presentazione della Domanda

Documenti da presentare

Modulo di richiesta (disponibile a fondo pagina o presso l'URP)

1 foto formato tessera

attestazione del versamento di euro 200,00 per diritti di istruttoria

Costi a carico del cittadino e modalità di pagamento

n. 2 marche da bollo da € 16,00

€ 200,00 per diritti di istruttoria da versare mediante bollettino postale sul conto corrente n. 416404 intestato a: Comune di San Lazzaro di Savena - Servizio Tesoreria - causale di pagamento "Diritti di istruttoria tesserino hobbista"

Dove presentarla

I moduli per la richiesta di autorizzazione sono disponibili, oltre che in allegato alla presente scheda, presso l 'Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (Urp) del Comune.

La domanda, completa di tutti gli allegati richiesti, deve essere presentata, in uno dei seguenti modi:

  • consegnandola direttamente agli sportelli dell'Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (URP) negli orari di apertura al pubblico;
  • per posta, con raccomandata a.r., al SUAP - Sportello Unico per le Attività Produttive, Comune di San Lazzaro di Savena, Piazza Bracci, 1 40068 San Lazzaro di Savena (Bo)

Referenti per le informazioni: Fabiana Sergio Manuel Mazzotta

vai ad inizio pagina ↑

Risposta

Tempi

Il richiedente viene informato sull'accoglimento o rigetto della richiesta di rilascio del tesserino entro il termine di 30 giorni dalla presentazione dell’istanza.

Modalità

Verificata la completezza della documentazione e conclusa l'istruttoria, il richiedente viene invitato (telefonicamente o per iscritto) al ritiro del tesserino.

vai ad inizio pagina ↑

Dove rivolgersi

Riferimenti

Responsabile del procedimento

Gianni Orlandini

Funzionario sostituto
ai sensi della L. 241/'90

claudio.busi
Valuta questo sito