Pesca sportiva o ricreativa

ultima modifica 22/06/2017 16:29

Importanti novità introdotte dalla Legge Regionale 11 del 7 novembre 2012 e successive modifiche e integrazioni

Descrizione del servizio

La Legge Regionale 7 novembre 2012, n. 11 e successive modifiche e integrazioni, introduce alcune importanti novità per gli appassionati della pesca sportiva introducendo una tutela più forte delle specie ittiche autoctone, per le quali, come nel caso degli anfibi e crostacei autoctoni, scatta il divieto di pesca.

A partire dal 23 novembre 2012, inoltre, la classica licenza di tipo "B" sarà costituita dalla sola ricevuta di versamento della tassa di concessione, in cui dovranno essere riportati i dati anagrafici del pescatore, il codice fiscale e la causale del versamento.

La ricevuta dovrà essere esibita unitamente al un documento di identità valido.

Il conto corrente postale su cui effettuare il versamento di 22,72 euro è il n. 116400 intestato a "Regione Emilia Romagna - Tasse Concessioni Regionali - viale Aldo Moro 52 - 40127 Bologna"

Non sarà quindi più necessario munirsi della licenza di pesca precedentemente rilasciata dal Comune.

Sono esentati dal pagamento della quota annuale:

a) coloro che su incarico o espressa autorizzazione della Regione o degli enti di gestione delle aree protette e dei siti della Rete Natura 2000, per i rispettivi territori di competenza, svolgono catture di esemplari di fauna ittica nell'ambito d'interventi programmati dalla pubblica amministrazione o nell'ambito di programmi di studio o di ricerca; 

b) gli addetti a qualsiasi impianto di piscicoltura durante l'esercizio della loro attività e nell'ambito degli impianti stessi;

c) i minori di anni dodici se accompagnati da un maggiorenne munito di licenza di pesca o esentato ai sensi del presente articolo;

d) i minori di anni diciotto, se in possesso di attestato di frequenza a un corso di avvicinamento alla tutela della fauna ittica e dell'ecosistema acquatico e all'esercizio della pesca, organizzato dalle associazioni piscatorie, i cui contenuti rispondano a quanto definito nel regolamento di cui all'articolo 26;

e) coloro che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di età;

f) i soggetti di cui all'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104 (Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate);

g) gli stranieri per la partecipazione a competizioni sportive;

h) coloro che praticano pesca a pagamento;

i) coloro che praticano pesca in spazi privati.

3. La licenza di pesca rilasciata nelle altre regioni e nelle province autonome di Trento e Bolzano ha validità sul territorio della Regione Emilia-Romagna.

 

L'ultima novità è rappresentata dall'introduzione di una licenza di tipo "C", di validità mensile, il cui costo è pari al 30% del costo della tassa di concessione annuale, pari a € 6,82.

Anche questa licenza è rappresentata dalla ricevuta di versamento della quota tramite apposito bollettino.

Rimane valido il tesserino regionale di pesca controllata dei salmonidi, che viene rilasciato gratuitamente presso l' URP ai pescatori che esibiscano la ricevuta del versamento della tassa di concessione.

vai ad inizio pagina ↑

Dove rivolgersi

TelefonoSport 0516228039 Marketing Territoriale 051 622 8046 - 8038 Fax051 622 8283
Valuta questo sito