Strumenti personali

Sezioni

Paesaggi urbani vol. 1 - Festival IT.A.CÀ

ultima modifica 16/06/2021 10:52
Dal 25/06/2021
Al 25/06/2021
Dove
Velostazione Dynamo, piazza XX Settembre (Bologna)
Orario

16.45

Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Venerdì 25 giugno , a partire dalle 16.45, itinerario in bici dal quartiere Savena fino al cuore artistico di San Lazzaro, nell'ambito del festival IT.A.CÀ

Spettacoli

 

IT.A.CÀ, festival del turismo responsabile, venerdì 25 giugno 2021 fa tappa a San Lazzaro con Paesaggi Urbani Vol. 1, un percorso in bici tra vecchie zone rurali accanto alle aree popolari e operaie sorte a partire dagli anni ‘50, antiche ville, hub verdi di quartiere in un viaggio urbanistico-sociale e artistico, fino alla zona industriale La Cicogna di San Lazzaro di Savena, dove giungeremo allo studio dell’artista Alessandro Brighetti.

Qui, insieme all’artista, i partecipanti, Sara Giordani e Alessandro Tampieri di MetROzero daranno vita a una performance IL RESPIRO DELLA TERRA: The QI Sublimation White Mandala: un’installazione “human-specific” per ridefinire il nostro senso di comunità attraverso l’arte, il respiro.


PERCORSO

Lunghezza: 14 Km

Difficoltà: Facile

 

PROGRAMMA

h 16.45 > ritrovo e partenza presso Piazza XX settembre, di fronte a Velostazione Dynamo, Via dell’Indipendenza 71/Z

Possibilità di noleggiare una bici a un prezzo scontato presso la Velostazione Dynamo  a questo link.

• Area ortiva Due Madonne
• Orto-Guardino Peppino Impastato
• Quartiere “Ina Casa” Due Madonne 1953-56
• Chiesa di San Giovanni in Bosco 1958-67
• Quartiere “Ina Casa” Via Portazza, 1957-60
• Orti urbani di Casa del Gufo
• Lungo Savena
• Parco delle Ville
• La Cicogna

h 19.30 > arrivo presso lo Studio 10 Lines Alessandro Brighetti (Via della Tecnica 57/B4).

Performance collettiva IL RESPIRO DELLA TERRA: The QI Sublimation White Mandala

Una esperienza partecipativa tra pubblico e arte, in un capannone industriale, nella periferia di Bologna, trasformato dall’artista Alessandro Brighetti e dalla compagna Veronica Santi, critica d’arte e videomaker, nel suo laboratorio artistico.

Il centro di gravità è un’opera cinetica che rappresenta il respiro della terra: attorno a questa l’artista disegna un mandala bianco e radiale di pastiglie–ecologiche–accendifuoco, sopra il quale viene disposto un anello di foglie secche.

Al pubblico disposto circolarmente attorno all’installazione, viene richiesto di partecipare ad un rituale collettivo e catartico orchestrato dai performer di MetROzero: una pratica di respiro collettivo basato sulla simbologia del fuoco purificatore.

Questo soffio corale accenderà ed alimenterà il fuoco che brucia mandala e foglie: un disegno di fiamme purificatrici e simboliche, nelle quali espiare e gettare i fardelli personali accumulati in questo ultimo difficile anno.

Costo: 10 euro
Info e iscrizione: Compila questo modulo online oppure invia i tuoi dati a info@festivalitaca.net - messaggio WhatsApp al 3401779941.
Per maggiori informazioni, consulta il sito del festival IT.A.CA'



Azioni sul documento

archiviato sotto: , ,
Valuta questo sito