Salta al contenuto

PREMESSA

Ai sensi dell’art. 105 del d. lgs n. 50/2016, ed alle condizioni ivi previste, l’appaltatore può essere autorizzato dalla stazione appaltante a cedere in subappalto ad operatori qualificati parte delle prestazioni/lavori previsti dal contratto.

Sono comunque assimilati al subappalto tutti i sub- contratti (es. forniture con posa in opera, noli a caldo, ecc.) aventi ad oggetto prestazioni di importo superiore al 2% del contratto o comunque superiore ad € 100.000,00 e che prevedono un’incidenza del costo della manodopera e del personale superiore al 50 % dell’importo del contratto di subappalto.

L’APPALTATORE È OBBLIGATO A RICHIEDERE ALLA STAZIONE APPALTANTE L’AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO

L’istanza di autorizzazione dovrà essere formulata utilizzando il modello predisposto dall’Ente.

Il termine per il rilascio dell’autorizzazione è di 30 giorni, prorogabile una sola volta per giustificati motivi. Il suddetto termine è ridotto a 15 giorni per subappalti di importo inferiore al 2 % dell'importo delle prestazioni affidate o di importo inferiore a € 100.000,00.

In caso di documentazione incompleta o errata, i termini per il rilascio dell’autorizzazione sono interrotti a far data dalla richiesta formale di integrazione da parte della Stazione Appaltante fino alla presentazione da parte dell’impresa dell’integrazione richiesta. Il termine può altresì essere prorogato per una sola volta, per motivate esigenze istruttorie.

Nel caso di subappalto di importo superiore a € 150.000,00 (IVA esclusa), il termine si ritiene interrotto dall’inoltro alla Prefettura competente della richiesta di informazione prefettizia ex art. 91 D. Lgs. 159/2011, comunicato per conoscenza all’impresa appaltatrice, fino all’acquisizione di detta informazione.

L’art. 105 c. 18 del D.lgs. n. 50/2016 prevede il silenzio-assenso in caso in cui sia decorso senza esito il termine per la concessione dell’autorizzazione al subappalto.

Il deposito del contratto d’appalto presso la stazione appaltante deve essere effettuato almeno 20 giorni prima dell’inizio delle relative lavorazioni.

Cosa serve

ISTANZA DI AUTORIZZAZIONE AL SUBAPPALTO corredata da n. 1 MARCHE DA BOLLO da € 16,00 (da applicare all’istanza) allegando:

1. COPIA DEL CONTRATTO DI SUBAPPALTO, il quale dovrà:

  • essere regolarmente sottoscritto dall’appaltatore e dal subappaltatore. In caso di RTI deve essere sottoscritto dalla capogruppo. In caso di consorzio è la capogruppo, eventualmente congiuntamente con l’impresa consorziata assegnataria/esecutrice dell’appalto, a sottoscrivere in qualità di appaltatore il contratto di subappalto.
  • essere preferibilmente prodotto in formato pdf nativo e navigabile (per consentire la ricerca di parole chiave) e firmato digitalmente; nel caso in cui il contratto trasmesso risulti acquisito dalla scansione di un esemplare cartacea, munito di timbri e sottoscrizioni olografe, dovrà essere prodotta copia dei documenti identificativi di tutti i soggetti sottoscrittori;
  • riportare i codici CIG e CUP dell’appalto principale;
  • individuare in maniera chiara e puntuale le prestazioni oggetto di subappalto specificando le categorie (generali/specialistiche/superspecialistiche come da DM. 248/2016) e gli importi. Se necessario per l’individuazione allegare documentazione tecnica, grafia e amministrativa estrapolata dal contratto principale.
  • Riportare l’assunzione, da parte della ditta subappaltatrice, degli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui all’Art. 3 della Legge n. 136 dl 13/08/2010 e ss. mm.ii., nonché una clausola risolutiva espressa, da attivarsi in tutti i casi in cui le transazioni siano state eseguite senza avvalersi di banche o della società poste Italiane S.p.A. ovvero degli strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni i sensi della legge 13 agosto 2010, n. 136 ss.mm.ii;
  • specificare i prezzi unitari derivanti dal contratto principale (misura/corpo) utilizzati per la determinazione dell’importo del subappalto.
  • riportare l'impegno del subappaltatore di cui all'art. 105 comma 14, D.Lgs. 50/2016 a mantenere gli stessi standard qualitativi e prestazionali previsti nel contratto di appalto ed a garantire un trattamento economico per i lavoratori non inferiore a quello garantito dal contraente principale.
  • specificare i costi della sicurezza derivanti dal contratto principale ( NON soggetti a ribasso). Indicare anche possibili ulteriori costi della sicurezza derivanti dalla eliminazione delle interferenze.
  • specificare le modalità di pagamento dei compensi del subappalto dando atto che, ricorrendo le ipotesi previste dal comma 13 dell’art. 105 del d.lgs. 50/2016, il Comune di San Lazzaro di Savena provvederà al pagamento diretto al subappaltatore.
  • contenere una clausola nella quale l’appaltatore prende atto, ai sensi dell’art. 105, comma 14, ultimo periodo, del d.lgs. 50/2016, della propria responsabilità solidale con il subappaltatore nei confronti della stazione appaltante per gli adempimenti, da parte di quest’ultimo, degli obblighi di sicurezza previsti dalla normativa vigente.
  • contenere una clausola in base alla quale, ai sensi dell’art. 105, comma 8, del d.lgs. 50/2016 il contraente principale e il subappaltatore sono responsabili in solido nei confronti della stazione appaltante in relazione alle prestazioni oggetto del contratto di subappalto, e che riconosca che l'aggiudicatario è responsabile in solido con il subappaltatore in relazione agli obblighi retributivi e contributivi, ai sensi dell'articolo 29 del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276.
  • includere una clausola nella quale si dà atto che l’efficacia del contratto di subappalto è subordinata all’intervenuta autorizzazione da parte della Stazione Appaltante, ai sensi dell'art. 105 del Dlgs 50/2016.
  • includere specifica clausola di impegno, da parte del subappaltatore, a redigere il Piano Operativo di Sicurezza relativo ai lavori in oggetto (ex art. 96 comma 1, lettera g) del D.Lgs. 81/08 ed a trasmetterlo all’impresa appaltatrice (affidataria) con congruo preavviso rispetto all’inizio dei lavori, al fine di consentire la verifica della congruenza del POS dell’impresa subappaltatrice rispetto al proprio, per la verifica della conformità al Piano di Sicurezza e Coordinamento da Parte del Coordinatore per l’Esecuzione dei Lavori (ex art. 92, comma 1, lett. b) del suddetto Decreto.

2. ALLEGATO A – DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEL SUBAPPALTATORE debitamente compilata e sottoscritta avendo cura di indicare le informazioni necessarie anche in ragione del fatto che:

  • per i subappalti di importo superiore ad € 150.000,00 il subappaltatore deve possedere e allegare il CERTIFICATO RILASCIATO DA SOA ACCREDITATA attestante il possesso dei requisiti di qualificazione con riferimento alla categoria e classifica adeguate alle lavorazioni subappaltate.
  • per subappalti di importo pari o inferiore ad € 150.000,00, qualora il subappaltatore non sia in possesso dell’attestazione SOA utile in relazione alle categorie di lavorazioni da eseguire, dovrà dimostrare il possesso dei requisiti di qualificazione previsti dall’art. 90 del d.p.r. 207/2010 relativi a esecuzione nell’ultimo quinquennio di lavori analoghi a quelli da subappaltare per un importo complessivo pari a quello del subappalto.

Tale qualificazione (per lavori pubblici) potrà essere dimostrata attraverso l’allegazione dei certificati di esecuzione lavori rilasciati dai committenti pubblici (è possibile presentare copie dichiarate conformi dei medesimi certificati), mentre, per i lavori privati mediante la trasmissione delle fatture e attestazione di regolare esecuzione.

Oltre a ciò, dovranno essere comunicati e allegati le copie dei bilanci relativi agli ultimi cinque anni con relative note di deposito; per le società di persone ed individuali invece, copie delle dichiarazioni iva e delle dichiarazioni dei redditi o Modello Unico relative agli ultimi cinque anni corredate dalle ricevute di presentazione. Inoltre va dimostrata l’adeguata attrezzatura tecnica destinata all’esecuzione dei lavori, nella effettiva disponibilità del subappaltatore (in proprietà, in locazione finanziaria, in noleggio, ecc.), mediante autodichiarazione resa ai sensi dell’art. 47 del d.p.r. 445/2000, che riporti le essenziali indicazioni identificative dell’attrezzatura dichiarata;

3. ALLEGATO B - DICHIARAZIONE POSSESSO REQUISITI EX ART. 80 D.LGS N. 50/2016.

4. ALLEGATO C – DICHIARAZIONE ANTIMAFIA (da compilare e sottoscrivere da parte di tutti i soggetti di cui all’art. 85 c. 3 del D.lgs 159/2011 – in caso di subappalto di importo superiore ad € 150.000,00.)

5. ALLEGATO D - INFORMATIVA PRIVACY

6. ALLEGATO E – PATTO DI INTEGRITÀ’

7. CODICE PASSOE acquisito dal subappaltatore al fine di consentire lo svolgimento dei controlli tramite piattaforma AVCPASS di ANAC

Allegati

Ultimo aggiornamento

22-09-2022 15:09

Questa pagina ti è stata utile?