Salta al contenuto

Autorizzazione paesaggistica “ex post”/a sanatoria ai sensi art. 146 Dlgs 42/2004

Si tratta di autorizzazione paesaggistica “ex post” e riguarda due specifiche casistiche di sanatoria paesaggistica di seguito descritte:

- la prima casistica riguarda opere illecite realizzate prima dell’imposizione del vincolo di tutela paesaggistica nell’area interessata e non comporta la corresponsione della sanzione paesaggistica (in quanto gli abusi vengono dichiarati antecedenti la tutela successivamente intervenuta);

- la seconda casistica riguarda gli illeciti paesaggistici realizzati senza autorizzazione prima del 12/05/2006 (data di entrata in vigore del D.Lgs 157/2006); la sanatoria paesaggistica in questi casi comporta la corresponsione della sanzione paesaggistica, che sarà determinata in base ai criteri tecnici ed estimativi per la quantificazione dei danni ambientali e paesaggistici approvati dal Comune di San Lazzaro di Savena.

L’autorizzazione paesaggistica “ex post”/a sanatoria (per entrambe le casistiche) è richiesta ai sensi dell’art. 146 del Dlgs 42/2004.

A chi si rivolge

Chi può presentare

Proprietario, possessore o detentore a qualsiasi titolo dell’immobile oggetto di intervento

Costi e vincoli

Costi

  • Marca da bollo da € 16,00 per l’istanza e marca da bollo da € 16,00 per l'accertamento. Per l’assolvimento dell’imposta di bollo è necessario produrre la relativa dichiarazione firmata digitalmente.
  • Pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria (sanzione paesaggistica) per la seconda casistica di autorizzazione paesaggistica a sanatoria sopra riportata, da effettuarsi entro 60 giorni dal rilascio dell’autorizzazione ai fini dell’efficacia della stessa. Da corrispondere tramite pagamento online mediante il Portale PagoPa del Comune di San Lazzaro di Savena.
  • Diritti di segreteria pari a € 300,00 da corrispondere alla presentazione dell’istanza, tramite pagamento online mediante il Portale PagoPa del Comune di San Lazzaro di Savena

Tempi e scadenze

Il procedimento ha le seguenti scansioni temporali (D. Lgs. 42/2004 art. 146):

entro 40 giorni l’ufficio competente verifica la completezza della documentazione, effettua gli accertamenti circa la conformità dell’intervento acquisendo anche a tal fine il parere della Commissione per la qualità architettonica e il paesaggio e trasmette la documentazione alla Soprintendenza belle arti e paesaggio con richiesta di parere vincolante

entro 45 giorni dalla ricezione degli atti, la Soprintendenza rilascia il parere

entro 20 giorni dalla ricezione del parere, l’Amministrazione rilascia l’autorizzazione o comunica il preavviso di provvedimento negativo

Complessivamente il procedimento necessita di 105 giorni salvo richieste di integrazione documentale.

Il richiedente ed il tecnico incaricato saranno informati con lettera delle comunicazioni tra Comune e Soprintendenza.

È trasmessa alla Soprintendenza, alla Regione e, se di competenza, all'Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità Emilia Orientale.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

24-02-2022 15:02

Questa pagina ti è stata utile?