Salta al contenuto

Imposta di soggiorno

L'imposta sarà applicata con decorrenza 01/06/2022

Imposta di soggiorno

L'imposta di soggiorno è istituita nel Comune di San Lazzaro di Savena ai sensi di quanto disposto all'art. 4 del Decreto Legislativo n. 23 del 14 marzo 2011 e dall’art. 4 del Decreto Legislativo n. 24/04/2017 n. 50 ed è applicabile nel territorio Comunale.

L'imposta è posta a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive situate nel territorio Comunale, fatte salve le riduzioni/esenzioni deliberate dal Comune, ed è applicata secondo criteri di gradualità in proporzione al prezzo per notte di soggiorno.

Il gettito derivante dall’imposta di soggiorno è destinato a finanziare gli interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle strutture ricettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonché i servizi pubblici locali.

Presupposto dell'imposta di soggiorno è alloggiare nelle strutture ricettive alberghiere, all’aria aperta ed extralberghiere situate nel territorio del Comune di San Lazzaro di Savena.

In queste categorie rientrano:

  • Alberghi
  • residenze turistico-alberghiere
  • campeggi
  • villaggi turistici
  • case per ferie
  • ostelli
  • affittacamere
  • case e appartamenti per vacanze
  • appartamenti ammobiliati per uso turistico
  • attività saltuarie di alloggio e prima colazione (bed & breakfast)
  • agriturismi
  • strutture di turismo rurale
  • immobili destinati alla locazione breve

Sono escluse le strutture socio-sanitarie.

L'imposta sarà applicata con decorrenza 01/06/2022

A chi si rivolge

Chi deve pagare l’Imposta di Soggiorno

Il pagamento deve essere effettuato da coloro che alloggiano nelle strutture ricettive sopra descritte senza essere residente nel Comune di San Lazzaro di Savena.
Non devono pagare l'imposta coloro che sono stati alloggiati nelle strutture ricettive suddette dallo stesso Comune di San Lazzaro di Savena o da altri soggetti pubblici nell'ambito della propria attività istituzionale per far fronte a situazioni di emergenza sociale o socio-assistenziale.

Chi deve applicare l’Imposta di Soggiorno

Devono applicare l’imposta di soggiorno i gestori di strutture ricettive site sul territorio comunale quali responsabili del pagamento d’imposta, con diritto di rivalsa sui soggetti passivi. Nel caso di locazioni brevi (art. 4 comma 5ter D.L. 50/2017) il responsabile d’imposta è chi incassa il canone o il corrispettivo del soggiorno, ovvero chi interviene nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi.

I responsabili di imposta, al fine di applicare l’imposta di soggiorno, sono invitati ad attivarsi per adeguare i propri sistemi informatici salva la possibilità di utilizzare l’apposito servizio di Gestione messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale in tempo utile per potere richiedere il versamento dell’imposta

Obblighi del Responsabile dell’Imposta di Soggiorno

Il Responsabile dell’Imposta di Soggiorno deve:

  1. attivare le necessarie modalità informative sull’imposta di soggiorno richiedendo il relativo pagamento al momento dell’incasso del corrispettivo del soggiorno e in ogni caso entro il momento della partenza del soggiornante e rilasciare la relativa quietanza;
  2. accreditarsi/registrarsi al servizio Gestione imposta di soggiorno messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale al link www.opentourist.it con credenziali SPID per le strutture pre-registrate dal Comune ovvero in modalità aperta per le altre strutture o per quelle non già censite come da istruzioni operative per la registrazione;
    il link verrà attivato in prossimità della data di effettiva applicazione sul territorio comunale dell’imposta di soggiorno per consentire alle strutture ricettive di ottemperare agli adempimenti di competenza.
    Dovrà essere stampato il modulo di accreditamento, corredarlo di documento di riconoscimento e inviarlo via mail a
    impostasoggiorno@comune.sanlazzaro.bo.it o alla pec
    comune.sanlazzaro@cert.provincia.bo.it
    (anche da mail ordinaria).
    La richiesta di abilitazione contiene anche l’autorizzazione all’accesso al servizio delle persone indicate dal Gestore ad operare sul servizio Gestione Imposta di Soggiorno;
  3. presentare la comunicazione trimestrale o il flusso dati entro 15 giorni dalla chiusura del trimestre di riferimento ed effettuare il riversamento degli incassi entro lo stesso termine mediante le procedure informatiche messe a disposizione dal Comune. In fase di prima applicazione la dichiarazione trimestrale in scadenza il 15/07/2022 potrà essere inoltrata all’Amministrazione Comunale entro il 15/10/2022 senza applicazione di sanzioni;
  4. presentare la dichiarazione annuale in via telematica entro i termini di legge: entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello in cui si è verificato il presupposto impositivo così come previsto dall’articolo 4 c. 1 ter del d.lgs. 23/2011 e dell’art. 4 c. 5 ter del D.L. 50/2017, secondo le modalità approvate con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, sentita la Conferenza Stato-città ed autonomie locali;
  5. Presentare nelle more dei chiarimenti che verranno forniti dalla Corte dei Conti il modello 21 entro il 30 gennaio dell’anno successivo a quello di riferimento;
  6. conservare la documentazione per 5 anni;

Si precisa che in seguito all’entrata in vigore del Dl 34/2020 art. 180 e del D.L. 21 ottobre 2021 n. 146 e s.m.i. art. 5 quinquies il gestore della struttura ricettiva è responsabile del pagamento dell’imposta di soggiorno, con diritto di rivalsa sui soggetti passivi, della presentazione della dichiarazione, nonché degli ulteriori adempimenti previsti dalla legge e dal regolamento comunale. Tuttavia la Corte dei Conti richiede ancora il modello 21 che dovrà essere consegnato nei termini di legge.

Costi e vincoli

Costi

Tariffe

Soggiorni con costo riferito a camera

Costo della camera con colazione (al netto di IVA e di eventuali servizi aggiuntivi)

Tariffa per singolo pernottamento e a persona

Fascia sino ad euro 50

1 euro

Fascia superiore ad euro 50

2 euro


Soggiorni nelle ipotesi di locazione breve di cui all’art.4 comma 1 e 5ter del D.L.50/17 e in quelle di locazione di appartamenti ammobiliati ad uso turistico di cui all’art.12 della L.R. Emilia-Romagna n.16/2004

Costo della camera con colazione (al netto di IVA e di eventuali servizi aggiuntivi)

Tariffa per singolo pernottamento e a persona

Fascia unica

2 euro a persona per notte di soggiorno

In caso di pernottamenti consecutivi ovvero di ripetuti e sistematici pernottamenti effettuati all’interno dello stesso mese solare l’imposta si applica limitatamente ai primi 10 pernottamenti anche qualora il soggiorno sia effettuato presso due o più strutture ricettive. In tale ultimo caso è onere del soggiornante consegnare al gestore della nuova struttura ricettiva la ricevuta attestante l’eventuale già avvenuta corresponsione dell’imposta di soggiorno per pernottamenti precedenti.

In caso di camere non vendute direttamente dalla struttura ricettiva al proprio ospite, l’imposta va corrisposta sulla base del prezzo a cui la camera è stata venduta dalla struttura ricettiva al tour-operator o all’agenzia di viaggio. A tal fine il gestore della struttura ricettiva è tenuto a documentare, a richiesta del Comune, il suddetto prezzo.

Casi particolari

Esenzioni

Non rientrano tra i soggetti passivi d’imposta oltre ai residenti nel Comune di S.Lazzaro di Savena:

a) i minori che al primo giorno di soggiorno non abbiano compiuto anni 12.

Per le famiglie soggiornanti con almeno un genitore e un numero di figli superiore a due, l'esenzione si applica a partire dal terzo figlio anche se di età superiore agli anni 12, purché inferiore agli anni 18 al primo giorno di soggiorno.

b) limitatamente al periodo di ricovero, coloro che debbono effettuare visite mediche, cure o terapie in day hospital (day surgery/day service) presso strutture sanitarie (ospedali pubblici o struttura di cura private anche non accreditate), nonché coloro che assistono degenti ricoverati presso le suddette strutture sanitarie, in ragione di un accompagnatore per paziente. Nel caso di malati minori di diciotto anni sono esenti entrambi i genitori.

c) i soggetti che alloggiano in strutture ricettive a seguito di provvedimenti adottati da autorità pubbliche, per fronteggiare situazioni di carattere sociale nonché di emergenza conseguenti ad eventi calamitosi o di natura straordinaria o per finalità di soccorso umanitario;

d) i volontari che prestano servizio in occasione di calamità;

e) gli autisti di pullman e gli accompagnatori turistici che prestano attività di assistenza a gruppi organizzati dalle agenzie di viaggi e turismo.

f) il personale appartenente alla polizia di Stato e alle altre forze armate che svolge attività di ordine e sicurezza pubblica, come definita nel Testo Unico di Pubblica Sicurezza R.D. 18 giugno 1931, n. 773, ed al successivo Regolamento di esecuzione di cui al R.D. 6 maggio 1940, n. 635;

g) gli studenti universitari regolarmente iscritti in università o enti di formazione accreditati presso gli enti territoriali.

h) altre esenzioni già previste per legge.

L’esenzione di cui ai punti b), c), d), e), f), g) sono subordinate alla presentazione di apposita certificazione.

Allegati

Modulistica

Ulteriori informazioni

Attività di accertamento dell’Imposta di Soggiorno

Ai fini dell’esercizio dell’attività di controllo, l’Amministrazione può:

  • invitare i soggetti passivi, nonché i gestori delle strutture ricettive, i gestori delle piattaforme telematiche e gli esercenti attività di intermediazione immobiliare ad esibire o trasmettere atti e documenti;
  • inviare ai gestori delle strutture ricettive, ai gestori delle piattaforme telematiche e agli esercenti attività di intermediazione immobiliare, questionari relativi a dati e notizie di carattere specifico, con invito a restituirli compilati e firmati;
  • richiedere informazioni ai competenti uffici pubblici.

Ai fini dell’attività di accertamento dell’imposta di soggiorno si applicano le disposizioni di cui all’articolo 1, commi 161 e 162, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 e dell’art. 1 della Legge 160/2019 comma 792 in materia di accertamento esecutivo.

Ulteriori informazioni

Per informazioni in merito all’imposta di soggiorno è possibile:

Ultimo aggiornamento

05-05-2022 15:05

Cultura&Turismo

Le informazioni, notizie e appuntamenti turistico-culturali di San Lazzaro di Savena.

Esplora
Altri argomenti:
Cultura&Turismo

Questa pagina ti è stata utile?